collegamentoneutro.it
strumenti e soluzioni per la tua carriera

Menu rapido

Home > Tieniti informato > Articoli >

Il portale online di consulenza di carriera dedicato a neolaureati e giovani manager

Management

18 Maggio 2008

L'atleta aziendale

Le aziende richiedono ai propri dipendenti un rendimento continuo e costante nonostante responsabilità e pressioni sempre maggiori.
Per migliorare le performance dei propri dipendenti i responsabili delle risorse umane si concentrano esclusivamente sulle loro abilità cognitive, trascurando altri elementi fondamentali; invece di focalizzarsi sulle competenze primarie, quali la comunicazione, la negoziazione e il problem solving, le aziende dovrebbero porsi come obiettivo il miglioramento delle cosiddette competenze secondarie: la pazienza, la capacità di concentrazione, la flessibilità, l'energia e la resistenza.

L'oscillazione fra momenti di dispendio di energia e momenti di recupero è fondamentale per scongiurare improvvisi cedimenti: anni di ricerca nell'ambito sportivo hanno dimostrato come per migliorare le performance di un'atleta occorre bilanciare correttamente periodi di intenso allenamento con momenti di riposo che permettono ai muscoli di rigenerarsi.

Gli atleti professionisti competono in periodi definiti e per il resto passano la maggior parte del tempo ad allenarsi. Gli impiegati aziendali, al contrario, passano poche ore in aule di formazione e devono lavorare a ritmi serrati per 8-10, se non 12 ore al giorno. Inoltre gli atleti professionisti al contrario dei dipendenti, hanno una carriera che dura pochi anni, mentre un dipendente deve lavorare per quasi 40 anni.

Per mantenere il livello di energia costante durante la giornata è fondamentale seguire alcuni accorgimenti:

1.Fare attività fisica: permette di migliorare la resistenza, e di creare un momento di relax mentale stabilendo un netto confine fra vita professionale e privata.

2.Mangiare in modo equilibrato: ingerire cibo frequentemente evita di doversi abbuffare a cena e di dover sovraccaricare l'apparato digerente durante la notte;

3.Fare delle pause ogni 90-120 minuti: in ufficio, imporsi di lasciare la scrivania per una passeggiata, due chiacchiere con un collega, o altro. In questo modo si crea un momento di recupero, fondamentale per mantenere il livello di concentrazione.

4.Ascoltare musica in ufficio: permette di mettere in comunicazione l'emisfero destro e sinistro del cervello e di regolare il livello di energia.

5.Affrontare un'attività alla volta: le distrazioni abbassano la qualità del tuo lavoro e aumentano il tempo richiesto a completare l'attività.

6.Gestire il tempo e le priorità: affronta subito le attività prioritarie e "scarica" quelle meno importanti. Pianifica la tua giornata in anticipo, in modo da non passare il tempo a reagire alle "emergenze".

Il tuo consulente personale

Vuoi dare una svolta alla tua carriera?
Scopri in nostri servizi personalizzati...

» info

Crea il tuo Curriculum Vitae

Impara a creare il tuo Curriculum Vitae, attraverso la nostra guida e i nostri esempi.
E se hai bisogno di migliorarlo, contattaci.

» info

Simula il tuo colloquio

Vuoi conoscere le domande più comuni e come rispondere in modo appropriato?
Simula il colloquio con il nostro gioco di ruolo.

» info

Negozia il tuo stipendio

Vuoi un aumento, ma non sai come condurre la trattativa?
Devi negoziare lo stipendio?
Segui i nostri consigli.

» info

Gestisci il tuo capo

Il tuo capo non è capace di gestire i propri collaboratori, o non ha sufficienti competenze?
Ti mostriamo come gestire la situazione.

» info

Vuoi pianificare e sviluppare la tua carriera senza farti trasportare dalla corrente e valutando differenti alternative?
Prova il nostro Navigatore.

» info

Migliora le tue competenze

Vuoi imparare a gestire le priorità, a negoziare, a lavorare in team, a gestire un progetto…
Sfoglia le nostre lezioni.

» info