collegamentoneutro.it
strumenti e soluzioni per la tua carriera

Menu rapido

Home > Self marketing > Curriculum Vitae > Come scrivere un Curriculum Vitae (2a parte)

Il portale online di consulenza di carriera dedicato a neolaureati e giovani manager

Curriculum Vitae

3. Come scrivere un Curriculum Vitae (2a parte)

II. Crea il Curriculum Vitae

Il Curriculum Vitae deve essere composto dalle seguenti 8 sezioni:

  1. Informazioni Personali
  2. Profilo
  3. Esperienze Professionali
  4. Istruzione
  5. Altra formazione
  6. Lingue straniere
  7. Conoscenze Informatiche
  8. Interessi

Personalizza il tuo Curriculum Vitae per ogni azienda e per ogni ruolo. Analizza attentamente la job description dell’annuncio al quale stai rispondendo, o del ruolo per il quale intendi proporti, ed estrai dal Curriculum Vitae master i ruoli, le competenze, i risultati, le esperienze, le qualifiche, i titoli, la formazione, che rispondono al meglio ai requisiti della job description.
Se rispondi ad un annuncio come Assistente Marketing, includi ed evidenzia i corsi, le competenze, le  esperienze e i risultati ottenuti che potrebbero maggiormente interessare il selezionatore.

Nome e informazioni personali

Per prima cosa scrivi il tuo nome in grassetto ed un font di almeno 4 o 6 punti più grande rispetto al resto del Curriculum Vitae.
L’allineamento deve essere centrato o a sinistra.
Ricordati che in cima al documento ci deve essere sempre il tuo nome e il tuo cognome, e non “Curriculum Vitae”.  
In seguito fornisci data e luogo di nascita, indirizzo, telefono fisso e cellulare (fornisci un numero al quale puoi essere effettivamente reperibile) e l’email.
Non usare email lavorative, e nemmeno inappropriate. Se non l’hai ancora fatto, creati un’email professionale (nome.cognome con yahoo o gmail).

Verifica che il numero di telefono e l’email inserite nel Curriculum siano corrette. I selezionatori non riproveranno a contattarti nel caso in cui una lettera dell’indirizzo email o una cifra del numero del cellulare siano omessi o errati.

Subito in seguito alle informazioni personali, inserisci una sezione chiamata Profilo.

Profilo

Analizza con attenzione la job description alla quale stai rispondendo. In base ad essa crea un sommario iniziale attinente e significativo nel quale:

  • Sintetizzi i principali traguardi raggiunti durante l’università o durante la tua carriera. Quantifica il risultato. Non essere vago.
  • Descrivi la parte della tua formazione (università, esami, corsi, progetti) e della tua esperienza professionale maggiormente attinente al ruolo.
  • Elenchi per punti le tue competenze specifiche e trasferibili acquisite durante la tua carriera e i tuoi studi. Contieni il numero dei punti di forza ad un massimo di 6.

Il profilo è fondamentale per tre ragioni:

  • Permette al selezionatore di comprendere immediatamente da una lettura veloce se il tuo CV può essere di suo interesse.
  • Sintetizza in poche righe competenze ed esperienze principali acquisite durante studi e carriera.
  • Ti permette di inserire parole chiave, in particolare in risposta ad annunci, che facilitano la ricerca del CV all’interno dei database nei quali vengono inseriti.

Ricorda che il profilo deve essere sintetico, di facile lettura, chiaro, schematico (per punti, utilizzando frasi brevi) e pertinente alla posizione per la quale stai inviando il Curriculum Vitae.
Potrai poi utilizzare la lettera di accompagnamento per espandere alcuni dei concetti chiave del profilo.

Nel profilo è utile indicare la propria disponibilità ad un eventuale trasferimento, in particolare se si invia il Curriculum in risposta ad un’inserzione al di fuori della propria città.

Non inserire frasi del tipo: “cerco un ruolo che mi possa offrire opportunità di crescita”, oppure “cerco un ruolo che mi permetta di affrontare esperienze motivanti”.
Ricordati sempre che stai vendendo le tue competenze al selezionatore.
Concentrati sulle necessità dell’azienda: dopo la lista dei tuoi punti di forza e delle tue competenze, inserisci una frase quale “ricerco un ruolo nel quale le mie competenze possano fornire un contributo concreto”.
Se lo conosci, puoi anche inserire il titolo del ruolo al quale ambisci. Questo vale se hai esperienza. Nel caso di neolaureati, potrebbe solo ridurre inutilmente le opzioni.

Esperienze Professionali

Nella sezione Esperienze Professionali utilizza l’ordine cronologico inverso: parti dal tuo ruolo attuale o più recente per poi arrivare, alla fine della sezione, alla tua prima esperienza.

Per ogni esperienza indica data d’inizio e fine rapporto, nome dell’azienda (Se la società per la quale lavori o hai lavorato non è molto conosciuta, inserisci una breve descrizione), titolo del ruolo.

Se non possiedi una rilevante esperienza professionale, includi esercitazioni e progetti accademici, lavori estivi e temporanei e attività extra curriculari.

I lavori in nero sono ammessi solo se non hai sufficienti e cospicue esperienze lavorative.

Quindi indica, per punti:

  1. attività svolte, suddividendo fra quelle di gestione diretta e quelle alle quali collabori,
  2. responsabilità
  3. persone gestite (se sei a capo di un gruppo di lavoro)
  4. risultati raggiunti, sottolineando il tuo personale contributo agli obiettivi realizzati dal team, dall’ente o dall’azienda.

Se sei dotato di una cospicua esperienza lavorativa, dettaglia in modo approfondito (attività svolte, responsabilità, persone gestite, risultati raggiunti) i ruoli più recenti e quelli più rilevanti per il ruolo in questione. Per quelli passati (più vecchi di 4 o 5 anni) includi solo date di inizio e fine rapporto, azienda e ruolo.

Istruzione

Anche per la sezione Istruzione occorre seguire l’ordine cronologico inverso: Parti dal master o dalla laurea, per poi indicare il diploma superiore.

Per la laurea indica anno di ottenimento (se recente anche il mese), istituto, città, voto di laurea, titolo della tesi. Se ti stai per laureare, indica il mese in cui prevedi di discutere la tesi.

Per il diploma indica l’istituto e la città. E’ facoltativo indicare il voto di diploma, in particolare per profili con esperienza.

Nella sezione istruzione non indicare esami sostenuti e relativa votazione.

Se hai poca esperienza, nelle esperienze professionali, indica i progetti completati durante i corsi universitari attinenti al ruolo in questione.

Altre sezioni

Per le altre sezioni, segui la traccia del Curriculum Vitae master.

Nella sezione Altra Formazione indica in particolare i corsi attinenti al ruolo in questione, o corsi che rivelino competenze e conoscenze complementari a quelle ottenute durante l’università o le esperienze professionali.

La sezione Altra Formazione è fondamentale per profili non laureati.

Nelle sezioni Conoscenze linguistiche e informatiche, indica tutte le lingue e i pacchetti informatici (in particolare Office e Internet Explorer) con relativo livello di conoscenza.

Nella sezione Interessi includi hobby, viaggi, soggiorni all’estero, volontariato, associazioni, che complementino le informazioni inserite nelle precedenti sezioni del Curriculum, e che siano rilevanti per il ruolo in questione. Evidenzia interessi che dimostrino capacità di relazione e di lavoro di squadra.

Una robusta sezione Interessi è fondamentale per profili con poca esperienza lavorativa.

Cerca di contenere la lunghezza del tuo Curriculum Vitae in due pagine (tre pagine sono concesse solo se hai una rilevante esperienza professionale). Se sei neolaureato una pagina dovrebbe bastare.

Per mantenere il formato e l’organizzazione del Curriculum Vitae, alcuni esperti consigliano di inviare il CV in pdf. Se sei sicuro che il documento sarà stampato e letto dal destinatario, allora salvalo in pdf. Se invece, come succede in molti casi, il Curriculum viene inserito nei database aziendali, ricordati che i software di ricerca per parole chiave funzionano meglio con documenti Word.

Includi una fotografia solo se espressamente richiesto.

Non indicare il livello retributivo. Se il tuo stipendio è maggiore del budget previsto dall’azienda in questione, potrebbe farti escludere a priori dalla selezione. Se è eccessivamente basso, potrebbe diminuire il tuo valore agli occhi del selezionatore. E’ sempre preferibile indicare e negoziare lo stipendio solo durante il colloquio finale. Per ulteriori consigli, vai a negoziazione stipendio.

Se esplicitamente richiesto, includi il tuo livello retributivo solo nella lettera di accompagnamento. Mai nel Curriculum Vitae.

Non includere referenze e non allegare certificati. Tienili a portata di mano durante il colloquio, nel caso in cui ti fossero richiesti.

Infine, verifica sempre l’inserimento dell "Autorizzazione al trattamento dei dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/2003" da riportare al fondo del CV.

Formato Cronologico o Funzionale?

Nella sezione Esperienze Lavorative puoi utilizzare un contenuto cronologico oppure funzionale.

Il formato cronologico è quello discusso nel Curriculum Vitae master: date d'inizio e fine rapporto, azienda, ruolo, partendo dall’ultima esperienza lavorativa.
Nota che i selezionatori si aspettano che un Curriculum Vitae sia in formato cronologico inverso, perché è più facile da controllare e valutare.
Quindi se stai applicando per un ruolo per il quale hai esperienza, o sei un neolaureato, utilizza sempre il formato cronologico.
Se invece:

  • intendi cambiare carriera, o settore,
  • sei un consulente,
  • hai cambiato aziende molte volte nella tua carriera,
  • hai avuto differenti ruoli in molte industrie

utilizza il formato funzionale nel quale descrivi ruoli e esperienze, non in modo cronologico, ma per categorie di competenze, partendo da quella più attinente al ruolo ricercato, ed evidenziando le tue competenze trasferibili.
Alla fine della sezione funzionale, crea una breve lista con date, azienda e ruolo delle tue esperienze.
 
Di seguito troverai un esempio di Curriculum Vitae funzionale.

CV Europeo sì o no?

Molti selezionatori ritengono che il formato Europeo tenda a standardizzare e uniformare competenze ed esperienze. Inoltre non consente di includere un Profilo iniziale. Allo stesso tempo è di semplice lettura e facilita la comparazione dei profili dei candidati, in particolare quando si tratta di posizioni aperte per neolaureati.

Sei hai già una certa esperienza professionale, è consigliabile utilizzare un formato personalizzato.

Se sei un neolaureato, valuta con attenzione i pro e contro. Il nostro consiglio è di utilizzare il Modello Europeo quando non si ha alcuna o poca esperienza professionale da includere nel Curriculum e quando sia richiesto dall’azienda alla quale lo si sta inviando.

In conclusione

I selezionatori vengono spesso inondati di CV che non hanno alcuna attinenza con il ruolo pubblicizzato.
Ricorda sempre di personalizzare ogni Curriculum Vitae all’annuncio al quale stai rispondendo, cambiando la sezione profilo, evidenziando maggiormente alcuni ruoli rispetto ad altri, o alcuni corsi di formazione, o hobby rispetto ad altri.

Controlla più volte l’ortografia e la grammatica. Non solo con il controllo di ortografia e grammatica di Word, ma rileggendo attentamente il Curriculum Vitae e facendolo leggere ad almeno altre persone.

Per ultima cosa, ricorda di dare l’autorizzazione al trattamento dei dati personali.

Il tuo consulente personale

Vuoi dare una svolta alla tua carriera?
Scopri in nostri servizi personalizzati...

» info

Crea il tuo Curriculum Vitae

Impara a creare il tuo Curriculum Vitae, attraverso la nostra guida e i nostri esempi.
E se hai bisogno di migliorarlo, contattaci.

» info

Simula il tuo colloquio

Vuoi conoscere le domande più comuni e come rispondere in modo appropriato?
Simula il colloquio con il nostro gioco di ruolo.

» info

Negozia il tuo stipendio

Vuoi un aumento, ma non sai come condurre la trattativa?
Devi negoziare lo stipendio?
Segui i nostri consigli.

» info

Gestisci il tuo capo

Il tuo capo non è capace di gestire i propri collaboratori, o non ha sufficienti competenze?
Ti mostriamo come gestire la situazione.

» info

Vuoi pianificare e sviluppare la tua carriera senza farti trasportare dalla corrente e valutando differenti alternative?
Prova il nostro Navigatore.

» info

Migliora le tue competenze

Vuoi imparare a gestire le priorità, a negoziare, a lavorare in team, a gestire un progetto…
Sfoglia le nostre lezioni.

» info